Depura impianti | Adeguamento obbligatorio scarichi acque meteoriche per insediamenti esistenti

Adeguamento obbligatorio scarichi acque meteoriche per insediamenti esistenti

Postato da  on 
giugno 12, 2015
|

La Regione del Veneto, in osservanza alle disposizioni dell’art. 121 del D.Lgs. 152/06, con Deliberazione del Consiglio Regionale del Veneto n° 107 del 05/11/2009 ha approvato il Piano di Tutela delle Acque (PTA).
Al fine del conseguimento degli obiettivi di qualita’ previsti dallo stesso PTA, ai sensi dell’art. 113 del D.Lgs. 152/06, il legislatore ha regolamentato nell’art. 39 delle Norme Tecniche di Attuazione, le “acque meteoriche di dilavamento, acque di prima pioggia e acque di lavaggio”.

Il legislatore nel citato art. 39, ha individuato le tipologie di insediamenti e gli altri casi per i quali e’ necessario assoggettare ad autorizzazione allo scarico le acque di dilavamento di superfici scoperte in cui vengono effettuate lavorazioni e/o lavaggi di materiali e/o depositi di rifiuti, materie prime, prodotti vari, ecc., che per effetto del dilavamento meteorico possono trascinare sostanze pericolose e/o pregiudizievoli per l’ambiente.

In particolare si rileva che le acque meteoriche non sono piu’ riconducibili alle acque reflue industriali, ma sono soggette ad autorizzazione ai sensi dell’art. 113 del D.Lgs. 152/06 con l’applicazione del relativo regime sanzionatorio.

In particolare per quanto previsto dall’art. 39 vigente, si invita il titolare dell’insediamento, a valutare la propria condizione e, nel caso in cui sia soggetto agli obblighi previsti dall’art. 39 del PTA, provvedere alla messa a norma, pena severe sanzioni amministrative.

Per gli insediamenti esistenti si informa che, ai sensi del comma 6 dello stesso art. 39, l’adeguamento deve essere completato entro il 31/12/2015, previa autorizzazione allo scarico.

Lascia un commento

Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.